TEMPO LIBERO: a Etnapolis sabato 25 e domenica 26 la Festa dell’Arancia
23/03/2017
Un weekend alla scoperta dell’oro dell’Etna, l’arancia rossa di Paternò protagonista di degustazioni, animazioni e laboratori per bambini.


COMUNICATO STAMPA nr. 12
 
TEMPO LIBERO: a Etnapolis sabato 25 e domenica 26 la  Festa dell’Arancia
 
Un weekend alla scoperta dell’oro dell’Etna, l’arancia rossa di Paternò protagonista di degustazioni, animazioni e laboratori per bambini.
 
Sarà una grande prova generale del Carnevale di Paternò 2018. Parliamo della “Festa dell’Arancia” che il prossimo fine settimana, sabato 25 e domenica 26, animerà gli spazi di Etnapolis con degustazioni di spremute, ricette dolci e salate, laboratori per bambini e, sullo sfondo, a fare da spettacolare scenografia, un’inedita installazione: centinaia di coloratissime arance rosse comporranno una grande arancia da ammirare nel corso della manifestazione e immaginando i carri allegorici con gli agrumi che saranno realizzati il prossimo anno a Paternò.
 
Oggi a Etnapolis, negli uffici direzionali, è stato presentato il programma dei due giorni della “Festa dell’Arancia”, iniziativa organizzata dal “Comitato Per La Promozione Del Carnevale Di Paternò e dell’Arancia Rossa” con il patrocinio del Comune di Paternò e ospitata il prossimo weekend a Etnapolis. Ospiti del direttore Alfio Mosca erano il sindaco di Paternò, Mauro Mangano, Lorenzo Arcoria (impegnato attivamente per la riedizione dei carri allegorici di agrumi che hanno debuttato con successo una ventina di anni fa), rappresentanti del Comitato promotore dell'evento e Roberto Venuto, l’agronomo “creativo” che coordina il lavoro degli artigiani alle prese con la spettacolare scenografia: “una struttura bidimensionale – spiega – alta quasi 3 metri e larga 2,40”.
 
“Se ne parla da tempo – ha detto il prof. Lorenzo Arcoria, docente di Scienze Motorie in un Istituto Superiore - di riproporre per il Carnevale di Paternò questi carri allegorici a tema agrumicolo, strettamente legati all’economia del nostro territorio: un’occasione per far conoscere ai visitatori del Carnevale i prodotti tipici della zona e sostenerne l’economia con un’iniziativa che, ispirata al Carnevale francese di Menton, in Costa Azzurra (con cui puntiamo a gemellarci), non ha formule analoghe in Italia, se si esclude quella di Ivrea, dove però le arance vengono usate come "armi" per una tradizionale battaglia. Vorrei rivolgere un grazie di cuore a tutti i componenti del Comitato: associazioni, operatori del settore e liberi cittadini, perché tutti - nessuno escluso – sono stati il vero motore dell'iniziativa”. L’evento di Etnapolis anticipa poi la “Prima sagra dell’Arancia in maschera” in programma a Paternò l’1 e il 2 aprile”.
 
La due giorni della “Festa dell’Arancia” a Etnapolis prevede sabato 25 e domenica 26, nel chiosco all’aperto vicino al cinema, la degustazione di succo d’arancia rossa appena spremuto sia al mattino che al pomeriggio: dalle 11 alle 13 e dalle 18 alle 20. Domenica, dalle ore 18 e fino a esaurimento, degustazione in galleria di ricette dolci e salate sempre a base di agrumi.
Domenica, mattina (10.30-13.30) e pomeriggio (15.30-20), per tutti i bambini è in programma un divertente laboratorio creativo che li vedrà impegnati con carta, colori e pennelli. S’intitola “Faccia da Arancia” e i piccoli saranno invitati dagli animatori a disegnare il proprio volto su un cartoncino da colorare in arancione e poi appendere su un simbolico albero di agrumi. Il laboratorio è gratis.
 
“Accogliamo con grande favore – ha detto il direttore di Etnapolis, Alfio Mosca – questa iniziativa che avvicina il mondo dei produttori agrumicoli, ovvero una grandissima rappresentanza del territorio etneo, a quello dei consumatori: famiglie e bambini che frequentano Etnapolis e che avranno così l’opportunità di conoscere meglio il valore dei prodotti tipici siciliani, frutti prelibati coltivati da secoli nelle campagne dell’Etna e del quale sono riconosciuti universalmente le proprietà salutistiche e nutrizionali”.
 
 
23 marzo 2017
Ufficio Stampa Etnapolis
Melamedia | Carmela Grasso
melamedia.news@gmail.com