MUSICA: un “Gentleman” a Etnapolis. il 15 luglio firmacopie con Guè Pequeno
05/07/2017
Ospite di Etnapolis il rapper più popolare del momento incontrerà sabato 15 luglio i fan siciliani per foto e firma del suo ultimo album “Gentleman”


COMUNICATO STAMPA nr. 48
 
MUSICA: un “Gentleman” a Etnapolis. il 15 luglio firmacopie con Guè Pequeno
 
 
Ospite di Etnapolis il rapper più popolare del momento incontrerà sabato 15 luglio i fan siciliani per foto e firma del suo ultimo album “Gentleman”
 
 
Gué Pequeno è uno dei rapper più amati e popolari del momento, e sabato 15 luglio, dalle ore 17, sarà ospite di Etnapolis per incontrare i fan siciliani, lasciarsi fotografare con loro e firmare le copie di “Gentleman”, il suo nuovo disco uscito il 30 giugno per Universal Music Italia e Def Jam Recordings.
 
“Gentleman” è un nuovo sguardo del rapper verso il mondo della musica in Italia, i vizi dell’hip hop e l’attualità (dai social alla televisione) ma ci trovano spazio anche amori sbagliati e momenti più sentimentali. È un momento importante per Gué Pequeno, in cui si conferma come uno dei padrini del rap, rinforzando con un disco contemporaneo la sua posizione di guida per le nuove generazioni.
 
Le produzioni dei pezzi attingono dall’ampio universo del mondo hip hop, uniscono la trap al rap di stampo internazionale. Se Milionario e Guersace hanno sonorità caraibiche e sfacciatamente estive, il disco vede anche un inedito suo cantato in Non ci sei tu e diversi featuring, alcuni “attesi” e altri meno. Da Sfera Ebbasta a Marracash, Luché, Tony Effe, Frank White, fino alla star cubana del reggaeton El Micha e Enzo Avitabile che canta il ritornello di La Malaeducazione. Alle produzione dei pezzi torna Don Joe, accompagnato da Charlie Charles, Sick Luke, i 2nd Roof, Sixpm, D-Ross, Andry The Hitmaker e Mace e Phra, insieme al lavoro su Non ci sei tu.
 
 
BIOGRAFIA
Pequeno - al secolo Cosimo Fini, milanese di 37 anni - ha iniziato la sua carriera nel 1997, rappando spesso con Fame (Jake La Furia), con cui fonderà le Sacre Scuole, assieme a Dargen D’Amico. Da questo primo nucleo, dopo l’uscita di D’Amico, nascono i Club Dogo, formati assieme al produttore Don Joe. Dopo diversi album di grande successo, concerti sold-out e esperienze di primissimo livello, i Dogo decidono di prendersi una pausa e Gué Pequeno punta su una carriera solista che correrà parallela a quella con il collettivo.
Nel 2011 esce il suo primo disco, Il ragazzo d’oro, che vede la partecipazione tra gli altri di Marracash, Ensi, Jake La Furia e Entics, l’album raggiunge lo status di disco d’oro. Nel 2013 è la volta di Bravo ragazzo, con il quale si aggiudicherà un disco di platino. Due anni dopo è il primo italiano a firmare per la Def Jam Recordings, con la quale pubblica Vero, il suo terzo lavoro da solista che verrà certificato disco d’oro per le vendite raggiunte.
Assieme a Marracash, nel 2016, incide Santeria, un disco di coppia che si aggiudica il riconoscimento di disco di platino oltre che un’infinita sequenza tuttora in costante crescita di certificazioni per i singoli. Dal 2011 è produttore discografico: la sua etichetta, fondata assieme a DJ Harsh, è Tanta Roba e nel suo roster attuale vede nomi come Gemitaiz, MadMan e Priestess.
Dal 2014 è proprietario del marchio di streetwear Z€N (zenmilano.com). Nel 2016 è produttore esecutivo del film “Parola di Dio”, presentato nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes.
 
5 luglio 2017